Il nostro libretto informativo

Il libretto informativo digitale che abbiamo scritto per rispondere a 10 domande basilari è pronto per voi, e con esso chiudiamo il nostro progetto cheARIArespiro95.

Scarica qui il libretto  in versione pdf 10 MB o dai prima un’occhiata al preview.

Scaricare la locandina (pdf 1,2 MB) per contribuire con un’azione semplice ma importante a diffondere questo libretto informativo.

 

Sotto la sezione “Azioni & Esiti” potete trovare la sintesi finale del nostro progetto cheARIArespiro95 e dei suoi esiti:

  • le sfide da affrontare e gli obiettivi da raggiungere
  • le azioni che abbiamo sviluppato
  • gli esiti e strumenti resi disponibili
  • gli obiettivi raggiunti e i benefici per i bambini
  • cosa abbiamo imparato noi
  • come speriamo di raggiungere una popolazione più ampia
  • la richiesta al Sindaco per l’istituzione di un Ombudsman dei bambini

Mettiamo a disposizione su questo sito web tutti gli strumenti e i prodotti che abbiamo creato e utilizzato durante il progetto, secondo i criteri di “Creative Commons
Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 InternationalLicense

E’ stata per noi un’esperienza molto formativa! Grazie a tutti coloro che hanno partecipato al progetto cheARIArespiro95 per rendere la città più sana e giocabile, contribuendo a mitigare gli effetti dell’esposizione all’inquinamento dell’aria specialmente sulle donne incinte e sui bambini attraverso la crescita di consapevolezza e di conoscenze adeguate.

Il team di cheARIArespiro95

Logo_ARIA95[4]

 

 

Advertisements

Audizione in Comune

Il 23 maggio 2018 le Commissioni consiliari permanenti I, II e VI del Comune di Torino ci hanno chiesto di presentare il progetto ‘cheARIArespiro95’ nel corso di un’apposita un’audizione pubblica.

Ai Consiglieri comunali e al pubblico presente abbiamo presentato le finalità, il metodo e i risultati ottenuti con la nostra sperimentazione nel Quartiere Vanchiglia, sulle cui criticità sono intervenuti anche i tecnici del settore Mobilità del Comune presentando uno studio da loro appena concluso.

La nostra presentazione, illustrata da una serie di foto scattate durante il lavoro, si è conclusa con tre proposte :

  1. la creazione di una struttura comunale dedicata alla tutela dei ‘diritti dei bambini alla città sana e giocabile’ guidata da un Ombudsman che ne garantisca il rispetto e che stimoli la realizzazione da parte della Città di azioni coordinate a loro favore;
  2. la riproduzione e diffusione del progetto su tutto il territorio cittadino, attraverso l’applicazione delle linee guida del nostro Toolbox e tenendo conto anche delle necessarie connessioni con la Città Metropolitana;
  3. la realizzazione di alcuni interventi specificamente relativi al Quartiere Vanchiglia per migliorare la sicurezza pedonale/ciclabile e la qualità ambientale di alcuni luoghi, la vivibilità sociale e giocabilità di Piazza Santa Giulia, la creazione di un percorso protetto e accessibile a tutti i in via Balbo per raggiungere l’importante spazio pedonale su due livelli del lungo Po Machiavelli.

A integrazione delle ipotesi viabili per l’eco-quartiere Vanchiglia presentate dai tecnici comunali, si potrebbero poi proporre interventi per rendere accessibile a carrozzine e biciclette il passaggio ora a scalini tra il primo e il secondo livello del lungo fiume. (Nel futuro e compatibilmente con le risorse pubbliche sarebbe auspicabile anche la creazione di una passerella pedonale sul Po per raggiungere velocemente e direttamente il bel Parco Michelotti.)

Sono poi intervenuti dei Consiglieri comunali per porre domande e fare commenti. Alcuni Consiglieri di maggioranza hanno auspicato che la prosecuzione delle necessarie azioni a tutela dei bambini possa avvenire appoggiandosi su quanto è stato prodotto con ‘cheARIArespiro95’.

Grazie anche ai Consiglieri e ai Presidenti di Commissione per l’interesse e il riconoscimento del nostro lavoro.

Il team di cheARIArespiro95

BREATHE LIFE CHALLENGE

A maggio 2018, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (World Health Organization) pubblicherà nuovi dati sullo stato dell’inquinamento atmosferico nel mondo. Saranno resi pubblici i dati più recenti circa i livelli e le tendenze dell’inquinamento atmosferico di 4.000 città. Impegnarsi a “una maratona per l’aria pulita” offrirà alle persone un modo per agire insieme.

Il BreatheLife Challenge a maggio 2018

Cogliete la sfida scegliendo una forma di trasporto più pulita per l’equivalente di una maratona (42 km / 26 miglia). Ridurre l’inquinamento atmosferico è una delle cose più importanti che possiamo fare per la salute dei nostri figli. Questo mese, partecipate alla sfida #breathelife challange lasciando l’auto a casa. Andate in bicicletta o a piedi per migliorare la qualità dell’aria nella tua città. Anche passando dalle auto agli autobus, potete tagliare le emissioni di Co2 per persona e per chilometri nelle città del 50 %!

breathelife1-2gxb9xy-e1525278452281.jpg
http://breathelife2030.org/challenge/
Scaricate il materiale del
BREATHE LIFE CHALLENGE

 

Utilizzate il BreatheLife Challange Infopack per ottenere suggerimenti, messaggi o idee su ciò che la tua organizzazione può fare per promuovere la sfida. Incoraggiate tutti a camminare, andare in bicicletta o a prendere i mezzi pubblici invece di usare l’auto!

■ WALK. Scarica L’ App Pacer su Google Play o Itunes, cerca il badge BreatheLife Challenge e inizia il tuo viaggio a piedi al lavoro, alla scuola o alla tua posizione preferita.
■ BIKE. Scarica l’app mobike su Google Play o Itunes, scansiona il codice a barre sulla tua bicicletta e inizia il tuo passaggio.
■ TAKE PUBLIC TRANSPORT. Prendete la metro, l’autobus, il treno o qualsiasi altra forma di trasporto pubblico disponibile nella vostra città invece di usare la vostra auto.

 

BreatheLife_SM_Cards_Final-1200-630-english

BreatheLife_SM_Cards_Final-1200-630-english2
BreatheLife_SM_Cards_Final-1200-630-english3

Partecipiamo anche noi!

cheARIArespiro
*************************
BreatheLife è una campagna congiunta guidata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), del  Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) e dalla Climate & Clean Air Coalition (CCAC) per mobilitare le città e gli individui per proteggere la nostra salute e il pianeta dagli effetti dell’inquinamento atmosferico.

Grazie a tutti per la bella trasformazione di piazza S. Giulia

Un resoconto della nostra Festa di Primavera  per l’aria pulita e una città più giocabile.

La festa finale del nostro progetto cheARIArespiro 95 non poteva che svolgersi il 21 marzo, primo giorno di primavera!

Abbiamo voluto dare il benvenuto al risveglio della natura che coincide con l’equinozio del 21 marzo invitando piccoli e adulti in Piazza Santa Giulia, uno dei pochi spazi del quartiere dove la comunità potrebbe trovare un luogo bello e gradevole da condividere quotidianamente. Abbiamo usato il condizionale perché in realtà la Piazza è illegalmente invasa dalle automobili appena finiscono le attività del mercato: quello che viene indicato dai cartelli stradali come uno spazio pedonale, di fatto non lo è.

Quindi abbiamo voluto attirare l’attenzione di tutti su questo problema, denunciandolo all’Assessore all’Ambiente, al Comandante dei Vigili Urbani e al Comandandante della zona 7 che sono venuti in Piazza su nostro invito. Anche l’ex Assessora Giannuzzi, che per prima ha sostenuto il nostro progetto, ha partecipato alla festa.

Abbiamo affermato per qualche ora che i cittadini hanno diritto a quella Piazza come luogo non solo di gioco ma anche di relazioni sociali in un ambiente accogliente, verde, meno inquinato.

Su un tavolo abbiamo sistemato la documentazione del nostro progetto e le mappe del quartiere con l’analisi delle principali criticità segnalateci da genitori, maestre e bambini stessi e con le prime ipotesi  di intervento che abbiamo elaborato.

Sul tavolo accanto c’erano invece le mappe di sintesi dell’inquinamento rilevato dagli strumenti di monitoraggio affidati ai genitori nel percorso casa-scuola e  commentati dal Fisico ambientale che ha curato il progetto.

Abbiamo anche discusso con i cittadini su come queste trasformazioni urbane che abbiamo individuato possano a volte comportare interventi semplici e non così costosi, tali da poter essere sostenuti anche in momenti economici difficili per il Comune.

La mostra delle opere create dai bambini della scuola Rodari

mostra-cheariarespiro-festa-21marzo-e1522358460632.jpg

I posters e tante altre opere fatte dai bambini di 5 anni che frequentano la scuola materna Rodari hanno fatto bella mostra in mezzo alla Piazza. I prodotti della creatività infantile hanno consentito a tutti i presenti e passanti non solo di ammirare la bravura di questi piccolissimi artisti ma anche di riflettere sulla città come purtroppo è e su come dovrebbe e potrebbe essere (rappresentata nella lunga striscia appesa al filo).

Un bel concentrato di immagini della città ideale è stato dipinto dai bambini sul quadro a 6 comparti dipinto dalle 6 classi della scuola materna. Interessanti anche i messaggi, molto determinati e diretti, che accompagnavano i disegni dei posters: “Non ci piace l’aria sporca!” , “Buttiamo le chiavi dell’auto!”, “Non lasciate l’auto dove noi giochiamo!”, “Non lasciare acceso il motore!”. C’erano poi anche messaggi positivi, che indicavano come i bambini piccoli sappiano anche arrivare a proporre le soluzioni giuste: “Salviamo la città camminando!”, “Se a scuola voglio andare, la bici è meglio usare!”, “Un bus, tanti bambini, una città più pulita!”.

L’albero di melograno delle domande spinose

albero-cheariarespiro-festa-21marzo-dsc_3205.jpg DomandeBooklet-cheARIArespiro Uno dei lavori di collage fatto dai bambini ritraeva un grande albero di melograno e ci è servito come base per proporre anche ai passanti le stesse ‘domande spinose’ sulle quali abbiamo costruito il libretto informativo che farà parte integrante dei prodotti della nostra ricerca.


Il Castello della supereroina Ariella che difende l’aria bella

5-castello-fuori.jpg

Una delle attività svolte nel Laboratorio con i bambini (si veda la documentazione precedente) è stata la costruzione del giardino magico dentro il Castello della super-eroina Ariella. I bambini hanno trovato, nascosta nel giardino, la scatola dei desideri piena di immagini della città bella che tutti vorremmo e su questi desideri hanno continuato a lavorare nelle settimane successive insieme alle loro maestre. Il Castello ricostruito in Piazza ha le finestre che si aprono ai desideri espressi e scritti dai bambini che richiamano  tutte le cose belle che si potrebbero e vorrebbero fare in un una città attenta ai bisogni dei bambini.

This slideshow requires JavaScript.

Nella piazza interna al castello invecce c’era la mostra di ritratti del supereroe Ariella che “difende l’aria bella”.


Visori per osservare la città all’altezza degli occhi di un bambino

Ai bambini riesce molto bene guardare la città con occhi limpidi e senza condizionamenti,  percependone  le criticità , le contraddizioni e i bisogni negati con grande immediatezza e profondità.

OCCHIALI-DSC_3166

Tra i tanti adulti che si sono interessati alla ‘prospettiva dal basso’ con la quale i bambini guardano il mondo, ci sono stati anche  l’Assessore all’Ambiente Unia e il Comandante dei Vigili della zona 7 Berini, che hanno accettato il nostro invito ad abbassarsi a 95 cm di altezza per guardare la città attraverso gli occhi dei bambini….


Cartelloni stradali con i desideri dei bambini

Dopo i due workshop alla Scuola Rodari con i quali è stato possibile far crescere nei bambini la consapevolezza sull’importanza dell’aria buona e sulle cause dell’inquinamento abbiamo affidato ai bambini il compito di ridefinire la scala delle priorità urbane attraverso una segnaletica stradale ‘alternativa’, con la quale il giorno della festa abbiamo invaso via Vanchiglia, creando curiosità e interesse tra i passanti. Anche il giornale La Stampa vi ha dedicato un articolo!

Abbiamo anche potuto spiegare ai genitori e nonni presenti come funziona il cosiddetto Pedibus: un adulto (educatore o genitore a turno) si incarica di raccogliere i bambini in punti prestabiliti dove i genitori li hanno accompagnati e li aiuta a proseguire a piedi tutti assieme fino a scuola. I bambini lo amano molto perché stanno assieme divertendosi e imparando intanto le regole del buon pedone che li aiuteranno ad essere attenti e autonomi più in fretta.


Una nuova piazza

La piazza Santa Giulia è stata temporaneamente trasformata in un luogo bello dove giocare liberamente come si faceva una volta.

SALTARE-2018-03-21-PHOTO-00000142.jpg

La festa è stata organizzata in collaborazione con altre realtà associative e gruppi informali attivi sui temi dellla qualità della vita urbana.

  • Lo Studio di progettazione Solido Collettivo ha trasformato un parcheggio auto in uno spazio ‘verde’ e aperto ai cittadini che hanno potuto dire la loro su come trasformare la qualità dell’ambiente urbano.
  • L’Associazione La città Possibile ha creato uno Speakers Corner per confrontarsi con chi desiderava discutere dei vantaggi e della realizzabilità delle Zone 30 nelle strade residenziali e ci ha guidato in un’attività di misurazione delle velocità del traffico nelle vie vicine.
  • Il ristorante vegano OH! Mio bio, situato all’angolo della Piazza,  ha portato fuori un grande tavolo da lavoro e ha organizzato un laboratorio di pasticceria rivolto ai bambini dal titolo “Biscotti in allegria!”
  • Il Movimento della Decrescita Felice ha trasformato parte della piazza in un salotto collettivo, invitandoci a mangiare, brindare, giocare a carte, e sentirsi ‘comunità urbana’.
  • La ditta Quercetti, produttrice di giochi, ha portato una grande pista di biglie con la quale i bambini  hanno giocato a lungo divertendosi molto.

Guardate anche le foto fatte dalle maestre sul sito dell’ Istituto Comprensivo Via Ricasoli Torino!

I volontari del Comune che aderiscono al progetto Senior Civici hanno dato un contributo molto importante alla buona riuscita della festa. Con la loro esperienza, saggezza e vitalità sono riusciti ad affrontare e risolvere molti aspetti organizzativi dell’allestimento temporaneo della Piazza e del parcheggio sottostante.

A loro va il nostro più cordiale ringraziamento. Prendersi cura di  tutti i bambini, e non solo dei propri figli o nipotini,  è quanto noi tutti dovremmo fare per rendere la città più sicura e vivibile. E i senior ci danno un grande esempio di quanto utile sia e di quanto loro stessi ne beneficino in termini di gioia di vivere!


Grazie a tutti coloro che hanno partecipato alla festa aiutando a trasformare la piazza S. Giulia in un luogo più piacevole!

La nostra Festa su TG Piemonte e sui quotidiani

I giornalisti di RAI3 TG Piemonte sono venuti a trovarci durante la nostra Festa di Primavera per l’aria pulita e una città più giocabile. Hanno prodotto due servizi. Il primo è andato in onda la sera stessa del 21/03/2018 su TG Piemonte Edizione delle h19.30, (al min 08:53).

Il secondo è andato in onda il giorno dopo (in una versione più ampia contenente anche un’intervista al nostro Fisico Ambientale Emanuele Negro) su TG Piemonte Edizione delle h14:00 (al min 09:28)

Il Corriere della Sera/Torino ha pubblicato due articoli. Il 21 marzo l’articolo era su due pagine: una finestra di sintesi sulla prima pagina, con un lungo articolo nelle pagine interne. Il giorno dopo un altro lungo articolo ha fatto la cronaca della festa e dei risultati del monitoraggio dell’aria, con relativo commento dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Torino.

 

Corriere-della-Sera-Torino_cheARIArespiro-1 copy  Corriere-della-Sera-Torino_cheARIArespiro-2 copy  Corriere-della-Sera-Torino_cheARIArespiro-3 copy

Il 22 marzo è apparso anche un breve articolo sulla cronaca di Torino de La Stampa, il 24 marzo un altro articolo nella sezione Quartieri con i titolo “Finti cartelloni stradali con i desideri dei bambini per una città pù pulita”.

 

LaStampa 22 marzo 2018 LaStampa 24 marzo 2018  giocare a palla

Abbiamo molto apprezzato l’interesse del Corriere della Sera, della RAI e della Stampa e la correttezza con la quale hanno raccontato il nostro progetto, la partecipazione dei genitori e dei bambini e la presentazione dei dati sull’inquinamento che abbiamo fatto durante la festa in Piazza.